IL CAFFÉ INDIANO MONSONATO

Tuesday 11th, October 2011 Scritto da
indian-monsoon

Indiano Monsonato

Una patina giallastra che si sviluppa con l’umidità, un sapore intenso e speziato. La strana storia di uno dei caffé più particolari del mondo: l’indiano monsonato.

Nel ’800 , lo sappiamo, i trasporti di merci e persone fra i continenti avvenivano con le navi a vela, e i tempi non si misuravano certo in ore o in giorni, ma in settimane o mesi. Se molti vini liquorosi, come il Marsala o il porto, furono creati proprio per questa ragione, aggiungendo alcool ai vini per favorirne la conservazione, la lunghezza di questo tipo di viaggi è stata protagonista anche di una involontaria scoperta nel mondo del caffè.

Quando i velieri inglesi che arrivavano dall’india scaricavano i sacchi di caffè nel porto di Londra, gli agenti e i commercianti si accorgevano che spesso, sulla superficie del chicco si era formata una patina giallastra. Visto i costi e le complicazioni del trasporto buttare il caffé che arrivava così “ingiallito” non era facile, e si provò ad utilizzarlo comunque, ottenendo, una volta tostato e preparato, una bevanda che si presentava particolarmente intensa e speziata, decisamente corposa; era nato il caffè monsonato.

O meglio, era nata la sua intuizione, perché non si tardò a lungo a capire che il segreto di questo caffé così particolare stava nella patina giallastra, praticamente una muffa, che si sviluppava sulla superficie del caffé in seguito all’umidità salsa che investiva il caffé durante il lungo trasporto per mare.

south_india_map

India

A quel punto, e soprattutto quando il trasporto delle merci per mare cominciò ad essere effettuato con le più veloci navi a vapore, i produttori di caffé indiani furono sempre più tentati dal produrre questo caffé direttamente nelle piantagioni, e quale miglior clima umido si poteva avere in India, se non durante la stagione delle pioggia tropicali, i monsoni? I produttori di caffé cominciarono a stoccare il caffé in grandi magazzini senza pareti, in modo che il caffé fosse colpito quasi direttamente dalle piogge monsoniche e sviluppasse la famosa patina.

I tempi moderni, si sa, portano sempre cambiamenti, e negli ultimi anni il caffé monsonato si produce senza aspettare i monsoni, semplicemente esponendo il caffé a degli umidificatori. Fondamentale, sia con metodi vecchi che nuovi, è rimuovere il caffé in fase di umidificazione, in modo da evitare fermentazioni indesiderate.

1 Comments on “IL CAFFÉ INDIANO MONSONATO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

I NOSTRI CORSI

Scoprite in questa pagina
i corsi
sul pianeta caffè organizzati dai docenti di caffeespressoitaliano

• Volete curiosare nel mondo
del caffè italiano? Corso discovery!

• Volete cominiciare a lavorare
in un bar con il piede giusto? Corso base.

• Il caffè sarà il pezzo forte del vostro bar? Corso avanzato

• Volete lavorare come tostatori e imparare le regole della torrefazione e miscelazione? Corso Tostatura e miscelazione del caffè!

• Puntate alle gare di barista e volete stupire i vostri clienti
con il capuccino? Corso
latte art e cappuccino decorato!

Volete scoprire i nuovi metodi di estrazione? Il corso brewing!

I NOSTRI VIAGGI IN PIANTAGIONE

Honduras, Brasile, Indonesia e... venite a scoprire i nostri viaggi in piantagione, per una straordinaria esperienza di cultura, di scoperta e di vita. Scopri di più...

Trip Advisor 2014

La nostra scuola ha vinto il certificato di eccellenza Trip Advisor 2014, 2015 e 2016. Grazie a tutti i partecipanti ai nostri corsi!

GABRIELE e IL CAFFE’

Molti anni nel caffè, molti in
Italia e molti, anche, all’estero.
Tanti anni nel caffè da commerciale, nella divulgazione
e comunicazione, nel training... Leggi tutto

Visita Aprire un bar

visita il nostro blog gemello contiene molte informazioni
legati al mondo della gestione
dei bar.

Facebook