CAFFÈ AMERICANO? IL NUOVO METODO DEI DRIPPER

Dopo aver visto come preparare il caffè all’americana con i metodi classici, scopriamo ora il nuovissimo (e in Italia sconosciuto) pianeta dei dripper. 

 

Un “dripper” della Harlo

Abbiamo parlato in questo post di come preparare un caffè filtro, diciamo il classico caffè americano o tedesco, post che, come ci suggerisce il nostro amico e collega super barista Davide Cobelli, è più che opportuno integrare con una parte dedicata al sistema dei dripper.

I dripper (in inglese, letteralmente, gocciolatori) sono dei coni, in ceramica, vetro o plastica, con delle apposite scanalature che favoriscono la circolazione dell’acqua al loro interno e un foro grande nella parte inferiore. I più “famosi” sono quelli prodotti della giapponese Hario, che produce tanti altri “tools” per coffee geek come i macinini a mano che avevamo visto in questi post.

I dripper sono economici (il loro costo varia dai 5€ della versione in plastica fino ai 15/20 per uno, più stiloso, in ceramica o vetro) ma, come le altre attrezzature da brewing non si possono certo trovare al negozio di forniture alberghiere, per fortuna anche in Italia si cominciano a trovare siti specializzati.

All’interno del dripper deve essere inserito un filtro di carta conico nel quale metteremo il caffè macinato con una granulometria piuttosto grossa, ed verseremo acqua calda ( attorno ai 94°) ma non bollente per non andare a bruciare il nostro caffè. Assolutamente da evitare l’acqua della caldaia della macchina da espresso, che appiattirebbe le note aromatiche della bevanda donandole un sapore “metallico”.

Andremo così a versare prima una piccola parte di acqua sul macinato, per permettere una preinfusione, e poi, dopo una trentina di secondi, quando il caffè avrà sprigionato tutto il diossido di carbonio creando delle bollicine e una bella crema color nocciola, andremo a versare la rimanente acqua per terminare l’estrazione direttamente nella mug (il supertipico tazzone americano) o in un “server”.

Questo è un sistema che permette di personalizzare molto l’estrazione variando la temperatura dell’acqua, la durata della preinfusione o la velocità di estrazione. In questo video è riassunto tutto il processo di estrazione.

Fuori dall’Italia i dripper sono molto comuni nelle caffetterie più “ganze” e, organizzando bene la linea, possono essere utilizzati anche per grandi numeri come si può vedere nel video sotto. Come acquisire le competenze per questo tipo di lavoro? Beh, o con i nostri corsi di brewing full immersion di una giornata o con le foto guide davvero cool di Stumptown

 

Gabriele

Qualcosa su

Testo prova gabriele

View all articles by Gabriele

13 Comments on “CAFFÈ AMERICANO? IL NUOVO METODO DEI DRIPPER

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

I NOSTRI CORSI

Scoprite in questa pagina
i corsi
sul pianeta caffè organizzati dai docenti di caffeespressoitaliano

• Volete curiosare nel mondo
del caffè italiano? Corso discovery!

• Volete cominiciare a lavorare
in un bar con il piede giusto? Corso base.

• Il caffè sarà il pezzo forte del vostro bar? Corso avanzato

• Volete lavorare come tostatori e imparare le regole della torrefazione e miscelazione? Corso Tostatura e miscelazione del caffè!

• Puntate alle gare di barista e volete stupire i vostri clienti
con il capuccino? Corso
latte art e cappuccino decorato!

Volete scoprire i nuovi metodi di estrazione? Il corso brewing!

I NOSTRI VIAGGI IN PIANTAGIONE

Honduras, Brasile, Indonesia e... venite a scoprire i nostri viaggi in piantagione, per una straordinaria esperienza di cultura, di scoperta e di vita. Scopri di più...

Trip Advisor 2014

La nostra scuola ha vinto il certificato di eccellenza Trip Advisor 2014, 2015 e 2016. Grazie a tutti i partecipanti ai nostri corsi!

GABRIELE e IL CAFFE’

Molti anni nel caffè, molti in
Italia e molti, anche, all’estero.
Tanti anni nel caffè da commerciale, nella divulgazione
e comunicazione, nel training... Leggi tutto

Visita Aprire un bar

visita il nostro blog gemello contiene molte informazioni
legati al mondo della gestione
dei bar.

Facebook