IL CAFFE’ TROPPO FRESCO..

Thursday 28th, November 2013 Scritto da

1466099_10202387553240600_1123180867_n

La crema di un espresso ….troppo fresco…

Sarà capitato alla maggior parte dei baristi/lettori, di aprire un nuovo sacco di caffè, versarlo nella campana del macinacaffè, iniziare a trasformare questi chicchi in tazzine di espresso e accorgersi che la crema non è come siamo abituati a vederla, come la vogliamo, persistente,con una tessitura molto fine, un bel colore nocciola, eventualmente una bella tigratura…

Questa volta no, la crema del nostro espresso è più simile ad una schiuma, bolle grosse, la nostra bevanda tende a calare vistosamente nella tazzina lasciando un anello di crema sui bordi e si apre inesorabilmente al centro.

Tutto questo è dovuto nel 99% dei casi ad un caffè troppo fresco, ovvero tostato da pochissimo tempo.

Vi avevamo parlato qui dell’importanza del periodo di degasatura del caffè di almeno 48 ore, questo perché durante la tostatura il caffè produce anidride carbonica, importante per la creazione della crema, ma solo nella giusta misura .

Inoltre il caffè ha un suo ciclo di vita, infatti dopo un periodo di riposo di alcuni giorni il caffè esprime il meglio di se nel primo mese e comunque deve essere consumato entro 3 mesi dalla tostatura, poi comincia man mano a perdere le proprie qualità.

Come  facciamo a sapere quando è stata tostata la nostra miscela? Purtroppo in Italia vige la cattiva abitudine di indicare una data di scadenza, lunghissima, che ci può aiutare a capire soltanto se il caffè giace su degli scaffali da mesi o più o meno è stato tostato di recente. All’estero, invece, viene considerata una forma di trasparenza e rispetto per il cliente indicare la data di tostatura, e ci auspichiamo che prima o poi anche il mercato italiano segua questa forma.

995564_10202387554040620_2135177760_n

La crema di un espresso ….troppo fresco

Comunque, torniamo al nostro lavoro, siamo di fronte ad un pacco di caffè troppo fresco, cosa fare?

Per prima cosa avvertire la torrefazione, che dovrebbe essere felice di ricevere questa segnalazione e provvedere quanto prima al cambio dei pacchi di caffè.

Ma come comportarsi nell’immediato?

Se siamo tra i fortunati possessori di macchine per espresso con le quali possiamo regolare la temperatura di estrazione, abbassarla di qualche grado può aiutarci molto.

Un altro metodo che abbiamo trovato su dei forum in lingua inglese, basato sull’idea di abbattere la temperatura di estrazione è quello di passare il porta filtro sotto acqua fredda tra un’estrazione e l’altra. Questo però secondo noi, oltre ad essere molto macchinoso, provoca degli shock termici non indifferenti ai porta filtri.

1463193_10202387552360578_1653297261_n

La crema di un espresso ….troppo fresco

Un miglioramento notevole della qualità dei nostri espressi lo possiamo però ottenere anche aumentando la camera di estrazione, ovvero la distanza tra la doccetta e il pannello di caffè pressato e quindi il tempo di preinfusione. Ovviamente non possiamo agire sulle doccette ma dovremo utilizzare filtri di una profondità maggiore a quelli che utilizziamo solitamente.

A dire il vero c’è  anche chi consiglia di macinare tutto il pacco e farlo riposare all’aria per almeno 24 ore… ma mi raccomando non sognatevi neanche di provarci!!!!!

simone

Qualcosa su

Blogger, Master Barista, Latte Artist appassionato di Caffè

View all articles by simone

8 Comments on “IL CAFFE’ TROPPO FRESCO..

  • Il caffè fresco torrefatto è una delle peggiori insidie che possono presentarsi all’operatore.
    Rivolgersi al proprio fornitore rappresenta sulla “carta” la soluzione più adatta alla circostanza ma, prima che il fornitore si decida ad imputare al caffè la responsabilità di un espresso bruciato e poco cremoso troverà mille e più problemi imputabili alle attrezzature ed al loro stato d’uso 🙂
    Ciò che il barista può fare in questi casi (ben poco) è innanzi tutto ridurre la temperatura di esercizio della macchina laddove possibile, evitare di accendere lo scalda tazze, togliere i coperchi dal macina caffè e non utilizzare il caffè subito dopo la macinatura.
    Un vecchio rimedio, atto a tamponare ma non a risolvere, è anche quello di aprire i pacchi di caffè affinchè il contatto con l’aria (possibilmente in un luogo caldo ed aerato se non addirittura sulla macchina da caffè) possa accelerare il processo di degasatura.
    E’ poca cosa, lo so, ma abbastanza per rendere più interessante la giornata di lavoro del barista. 😀
    Buon caffè a tutti.

    Reply
  • La ditta con la quale collaboro (Pellini caffè di verona) già da diversi anni mette la data di tostatura sui cartoni che vengono consegnati ai clienti.

    Reply
  • non sono per niente daccordo il mio motto e’ fresh roasted coffee e il risultato e’ ottimo.
    Il caffe’ che utilizzo lo tosto da solo e lo utilizzo moltissime volte immediatamente
    Le varianti che influenzano la tazzina sono moltissime……… ma e’ Meglio un caffe tostato fresco che uno vecchio. La degassazione ha motivazioni commerciali piu’ che sensoriali

    Reply
  • Pingback: Recensione del caffè Miscela d'Oro | Caffè espresso italiano by Gabriele Cortopassi

  • Mi capita delle giornate dove quando eseguo un espresso i primi dieci\quindi secondi di estrazione è tutto okay, poi iniziano è crearsi delle bollcine nere ai bordi della tazzina che vengono quasi “risucchiate” verso la discesa dal beccuccio del caffè,per poi a fine estrazione vedere una crema Cosa vuol dire ?
    E’ mi succede spessissimo quando uso il portafiltro da due caffe alla volta. Con quello da uno è meno evidente. Non riesco a capire perchè è da poco che ho cambiato macchina e sostituita la macina del macinadosatore (sono passato a una E61 legend S tre gruppi), e non capisco se è colpa della macchina o del caffe o del macinadosatore.Ho provato a cambiare granulometria, pressione caldaia, temperatura gruppi(abbassandola aiuta un pochettino), pressione di tamping ma niente….con il portafiltro da “uno” succede meno frequentemente.

    Reply
  • Pure il profilo di tostatura determina più o meno schiumosità nella crema come pure la presenza di pù o meno robusta naturali

    Reply
  • Pingback: LA DEGASATURA DEL CAFFÈ | Caffè espresso italiano by Gabriele Cortopassi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

I NOSTRI CORSI

Scoprite in questa pagina
i corsi
sul pianeta caffè organizzati dai docenti di caffeespressoitaliano

• Volete curiosare nel mondo
del caffè italiano? Corso discovery!

• Volete cominiciare a lavorare
in un bar con il piede giusto? Corso base.

• Il caffè sarà il pezzo forte del vostro bar? Corso avanzato

• Volete lavorare come tostatori e imparare le regole della torrefazione e miscelazione? Corso Tostatura e miscelazione del caffè!

• Puntate alle gare di barista e volete stupire i vostri clienti
con il capuccino? Corso
latte art e cappuccino decorato!

Volete scoprire i nuovi metodi di estrazione? Il corso brewing!

I NOSTRI VIAGGI IN PIANTAGIONE

Honduras, Brasile, Indonesia e... venite a scoprire i nostri viaggi in piantagione, per una straordinaria esperienza di cultura, di scoperta e di vita. Scopri di più...

Trip Advisor 2014

La nostra scuola ha vinto il certificato di eccellenza Trip Advisor 2014, 2015 e 2016. Grazie a tutti i partecipanti ai nostri corsi!

GABRIELE e IL CAFFE’

Molti anni nel caffè, molti in
Italia e molti, anche, all’estero.
Tanti anni nel caffè da commerciale, nella divulgazione
e comunicazione, nel training... Leggi tutto

Visita Aprire un bar

visita il nostro blog gemello contiene molte informazioni
legati al mondo della gestione
dei bar.

Facebook