I CAMPIONATI SCAE IN ITALIA: UNO SGUARDO ALLE NOVITÀ DEL 2014

In questa intervista Andrej Godina, responsabile della formazione per SCAE Italia, descrive quali sono le novità in ambito SCAE e risponde ad alcune curiosità sul mondo dei campionati baristi.

860500_10203832376790409_1876115074148171780_o

Roasting

Innanzitutto, chi si avvicina al circuito dei campionati?

10345054_10204040616005475_1732880489_n

Brewing

Le competizioni sono principalmente destinate ai baristi che, partecipando ai campionati nazionali sparsi in tutto il mondo, si sfidano per accedere alle finali mondiali. Parliamo di migliaia di concorrenti. Il campionato tra assaggiatori di caffè, i cup tasters, non coinvolge soltanto i baristi ma una più ampia fetta di operatori così come quello sulla tostatura del caffè, Coffee Roasting, a cui partecipano per lo più i torrefattori. Proprio il campionato World Coffee Roasting è stato organizzato per la prima volta in Italia quest’anno, assieme all’altro inedito, World Brewers Cup che ha come focus la preparazione di caffè filtro con differenti metodi di estrazione. Il 2014 segna, quindi, delle tappe importanti per SCAE Italia che, con l’introduzione di nuovi campionati, ha anche sviluppato altre occasioni di formazione. 

IMG_3306649708001

Cup Tasting

In che cosa consistono le gare Brewers Cup e Coffee Roasting?

Il campionato Brewers Cup prevede la preparazione di caffè con i cosiddetti metodi pour over dove il barista, manualmente, versa l’acqua calda sulla polvere di caffè usando specifici strumenti come, ad esempio, la caffettiera a pressofiltro o french press, l’Aeropress, il gocciolatore di porcellana V60 della Hario e il sistema Chemex.

Il campionato sulla tostatura del caffè prevede la selezionatura del caffè crudo, lo studio del profilo di tostatura per lo specifico caffè, il processo di tostatura e l’assaggio in tazza. A mio parere, rappresenta un’eccezionale

Chiara Bergonzi in gara a Melbourne.

Latte Art

occasione per migliorare e innovare l’arte della tostatura in Italia. Abbiamo infatti un patrimonio di centinaia di medio-piccole torrefazioni che, oltre a custodire tradizione ed esperienza, devono potersi confrontare con competitors molto all’avanguardia, anche oltre i confini italiani, puntando a un incremento della qualità sia per quel che riguarda la materia prima sia per il processo di trasformazione. La prima edizione si è svolta per la prima volta il 13 e il 14 maggio a Sinalunga, Siena, tra concorrenti molto preparati che, prima di tutto, hanno saputo sfruttare l’occasione di crescita.

davide berti

Coffee in Good Spirit

Che legame c’è tra le gare e la formazione SCAE?

I campionati sono il mezzo privilegiato per avvicinare gli operatori di settore, i media e gli appassionati ai caffè speciali e, di conseguenza, per diffondere la cultura del caffè di qualità. Inoltre, per affrontare le gare è imprescindibile la preparazione. Nello specifico, la formazione SCAE ha sviluppato negli anni il percorso formativo chiamato Coffee Diploma System che prevede sei moduli di certificazione, dalle origini del chicco alla tostatura, passando attraverso lo studio della macinatura, dell’estrazione e dei parametri di assaggio: coffee introduction, barista skills, brewing and grinding, sensory, green coffee, roasting. I contenuti e le competenze che si acquisiscono attraverso i programmi dei corsi vanno in qualche modo a comporre i regolamenti dei campionati WCE e sono fondamentali ai partecipanti alle gare per poter raggiungere le più alte posizioni in classifica. Abbiamo potuto constatare che nelle ultime edizioni dei campionati mondiali, il livello di preparazione è notevolmente cresciuto. 

bunch-of-ibriks

Ibrik

Perché un barista dovrebbe partecipare? Come si “trasferisce” l’esperienza della gara nella professione?

Un barista dovrebbe partecipare alle competizioni per migliorare la propria professione, per confrontarsi con altri colleghi e per fare un’esperienza che inevitabilmente arricchisce il bagaglio personale. Preparare una gara e puntare a vincere un campionato, prima di tutto quello nazionale, significa mettersi alla prova con un format di gara regolamentato e molto esigente. Questo necessita un grande approfondimento della materia caffè e, quindi, permette di accumulare nuove capacità e know how, che si traducono in una crescita professionale e, perché no, in nuove o più soddisfacenti opportunità di lavoro. Farei solo una precisazione in più per quanto riguarda il campionato Coffee Roasting che richiede al concorrente una profonda padronanza della tostatrice, dei profili di tostatura e dell’analisi sensoriale. Così strutturato, è una chiave ideale di formazione professionale per gli operatori che vi partecipano e offre strumenti innovativi, preziosissimi per l’azienda. Tutto ciò consente anche di potersi interfacciare con la qualità e la competenza dei torrefattori di altri Paesi.

,
simone

Qualcosa su

Blogger, Master Barista, Latte Artist appassionato di Caffè

View all articles by simone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

I NOSTRI CORSI

Scoprite in questa pagina
i corsi
sul pianeta caffè organizzati dai docenti di caffeespressoitaliano

I NOSTRI VIAGGI IN PIANTAGIONE

Honduras, Brasile, Indonesia e... venite a scoprire i nostri viaggi in piantagione, per una straordinaria esperienza di cultura, di scoperta e di vita. Scopri di più...

Trip Advisor 2014

La nostra scuola ha vinto il certificato di eccellenza Trip Advisor 2014, 2015 e 2016. Grazie a tutti i partecipanti ai nostri corsi!

GABRIELE e IL CAFFE’

Molti anni nel caffè, molti in
Italia e molti, anche, all’estero.
Tanti anni nel caffè da commerciale, nella divulgazione
e comunicazione, nel training... Leggi tutto

Visita Aprire un bar

visita il nostro blog gemello contiene molte informazioni
legati al mondo della gestione
dei bar.

Facebook