LA NOSTRA INTERVISTA CON UN Q-GRADER AMERICANO, MICHEAL MONTANTE

Wednesday 09th, September 2015 Scritto da

Ai corsi siamo noi ad insegnare a studenti passivi? No, è sempre un bello scambio, scambio che diventa ancora più divertente e costruttivo quando da noi arrivano personaggi che nel mondo del caffè hanno davvero qualcosa da raccontare; esperienze e competenze che possono arricchire chiunque, noi per primi!

Una di queste situazioni l’abbiamo vissuta quando, ad un corso, abbiamo avuto fra i partecipanti Micheal Montante, un Q grader, un assaggiatore che, con le sue valutazioni decide mercato, prezzi e disponibilità per i migliori caffè verdi del mondo.

Michael, in questa intervista, condotta in un italiano un pochino faticoso ma più che comprensibile (Michael ha genitori italiani) ci racconta come funziona il mondo del Q grading, e molte altre cose sulla nuova onda del caffè d’eccellenza, oltreoceano.

Il “Q-Grader Certification Program è stato ideato dal “Coffee Quality Institute” e  consiste in  ben 22 test da superare. Questi test vengono di solito svolti dopo 5 o 6 giorni di training intensivo. Le lezioni vengono svolte da istruttori certificati in laboratori riconosciuto da SCAA o SCAE.  Il Q-Certification è un riconoscimento di  abilità e competenze di alto livello, vero motivo di vanto all’interno dell’industria del caffè.

Per passare l’esame bisogna saper distinguere correttamente, sia in crudo che in tazzina le varie tipologie di caffè, i caffè lavati “washed Mild” dell’America latina dai naturali,  gli indonesiani da quelli dell’Africa orientale….
Inoltre l’esame si articola su una fase olfattiva con il riconoscimento dei 36 aromi più ricorrenti che possono essere presenti nella tazza di caffè. Durante l’esame sensoriale vengono identificate 3 intensità di salato, acido e dolce sia sotto forma di singoli liquidi inodori che come combinazione degli stessi. Nel test degli acidi organici è richiesto di riconoscere quelli che comunemente troviamo nel caffè: acetico, citrico, lattico, malico, fosforico e chinico e per riconoscerli i candidati vengono sottoposti anche a molteplici prove di triangolazione alla cieca
Il Q-program è stato ideato per creare un dialogo universale di qualità tra gli acquirenti e i venditori di caffè dove chi compra è disposto a pagare prezzi più alti per prodotti di altissimo livello. Lo scopo è di innovare e migliorare la condizione che questo prodotto ricopre dai produttori ai tostatori, ai baristi e  soprattutto per i clienti finali.

 

simone

Qualcosa su

Blogger, Master Barista, Latte Artist appassionato di Caffè

View all articles by simone

1 Comments on “LA NOSTRA INTERVISTA CON UN Q-GRADER AMERICANO, MICHEAL MONTANTE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

I NOSTRI CORSI

Scoprite in questa pagina
i corsi
sul pianeta caffè organizzati dai docenti di caffeespressoitaliano

• Volete curiosare nel mondo
del caffè italiano? Corso discovery!

• Volete cominiciare a lavorare
in un bar con il piede giusto? Corso base.

• Il caffè sarà il pezzo forte del vostro bar? Corso avanzato

• Volete lavorare come tostatori e imparare le regole della torrefazione e miscelazione? Corso Tostatura e miscelazione del caffè!

• Puntate alle gare di barista e volete stupire i vostri clienti
con il capuccino? Corso
latte art e cappuccino decorato!

Volete scoprire i nuovi metodi di estrazione? Il corso brewing!

I NOSTRI VIAGGI IN PIANTAGIONE

Honduras, Brasile, Indonesia e... venite a scoprire i nostri viaggi in piantagione, per una straordinaria esperienza di cultura, di scoperta e di vita. Scopri di più...

Trip Advisor 2014

La nostra scuola ha vinto il certificato di eccellenza Trip Advisor 2014, 2015 e 2016. Grazie a tutti i partecipanti ai nostri corsi!

GABRIELE e IL CAFFE’

Molti anni nel caffè, molti in
Italia e molti, anche, all’estero.
Tanti anni nel caffè da commerciale, nella divulgazione
e comunicazione, nel training... Leggi tutto

Visita Aprire un bar

visita il nostro blog gemello contiene molte informazioni
legati al mondo della gestione
dei bar.

Facebook